Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2002 December;50(6) > Minerva Cardioangiologica 2002 December;50(6):691-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 2002 December;50(6):691-4

lingua: Italiano

La stimolazione elettrica del midollo spinale. Trattamento delle sindromi ischemiche croniche severe degli arti

Matarazzo A., Giordano A., Sassi O., Florio A., Rosati Tarulli V., Razzano D.


PDF  


Obiettivo. Gli Autori vogliono valutare l'eventuale efficacia della stimolazione elettrica epidurale del midollo spinale (ESES) nel trattamento dei soggetti affetti da arteriopatia cronica ostruttiva in stadio avanzato che non possono essere sottoposti a trattamento chirurgico o per i quali la terapia chirurgica è risultata fallimentare.
Metodi. Lo studio retrospettivo è stato eseguito su 18 pazienti affetti da arteriopatia cronica ostruttiva al IV stadio clinico di malattia secondo Fontaine, con un età media di 60,08 anni che presentavano dolore a riposo e lesioni trofiche periferiche. Di questi 5 pazienti non erano suscettibili di trattamento chirurgico.
A tutti i pazienti è stato collocato nello spazio epidurale un catetere stimolatore, la cui azione è stata valutata seguendo la demarcazione delle lesioni e la risoluzione della sintomatologia algica.
Risultati. In 16 casi si è avuto un buon controllo della sintomatologia dolorosa; in 14 pazienti si è giunti alla demarcazione delle lesioni trofiche, mentre nei restanti 4 casi si non si è avuto nessun miglioramento, per cui si è resa necessaria l'amputazione dell'arto ischemico.
Conclusioni. Dall'esperienza degli Autori emerge che, in pazienti ben selezionati, l'ESES rappresenta un valido supporto terapeutico per il controllo del dolore ischemico e per il salvataggio d'arto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail