Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2002 February;50(1) > Minerva Cardioangiologica 2002 February;50(1):29-38

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,695


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 2002 February;50(1):29-38

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Teleangectasie associate a varici reticolari: scleroterapia o approccio combinato chirurgico e scleroterapico?

Albanese V., Cavallaro G.


PDF  


Obiettivo. Valutare i risultati ottenuti con la scleroterapia o con un approccio combinato chirurgico e scleroterapico in due gruppi di pazienti, affetti da teleangectasie direttamente comunicanti con varici reticolari e senza incompetenze dei sistemi safenici o di perforanti.
Metodi. Sono state studiate 44 pazienti di sesso femminile ricoverate presso il Policlinico Universitario di Messina. Il primo gruppo (21 pazienti) è stato trattato con la sola scleroterapia (polidocanolo alla concentrazione del 1% per le varici reticolari e dello 0,25% per le teleangectasie); il secondo gruppo (23 soggetti) è stato trattato con l'approccio combinato (flebectomia ambulatoriale sec. Müller e scleroterapia con polidocanolo alla concentrazione dello 0,25%). Al follow-up, dopo 6 e 12 mesi dalla scleroterapia o dall'approccio combinato, sono state valutate la comparsa di iperpigmentazioni cutanee o di teleangectasie reattive e la recidiva dei vasi trattati.
Risultati. Nel primo gruppo di pazienti, abbiamo rilevato, dopo 6 mesi, un tasso di incidenza di iperpigmentazioni e di comparsa di teleangectasie reattive del 14,3%; dopo 12 mesi, è stata osservata una recidiva in 4 (19%) dei pazienti trattati. Nel secondo gruppo, dopo 6 mesi, l'incidenza di iperpigmentazioni e la comparsa di teleangectasie reattive è stata, rispettivamente, del 4,3%; in questo gruppo di pazienti non abbiamo osservato, a distanza di 12 mesi dalla terapia combinata, recidive dei vasi trattati.
Conclusioni. L'approccio combinato può essere considerato, in pazienti selezionati, come una valida alternativa alla scleroterapia nel trattamento delle teleangectasie associate a varici reticolari e nella prevenzione di effetti collaterali indesiderati e di recidive dei vasi trattati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail