Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2001 June;49(3) > Minerva Cardioangiologica 2001 June;49(3):165-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 2001 June;49(3):165-8

lingua: Italiano

Anomalie coronariche e coronaropatia: esiste una relazione?

Rigatelli Gl., Gemelli M., Franco G., Bolomini L., Docali G., Rigatelli G.


PDF  


Obiettivo. La teoria che l'aterosclerosi coronarica possa essere accelerata dal flusso ematico turbolento legato alle anomalie coronariche rimane controversa. Abbiamo indagato le correlazioni tra anomalie coronariche e malattia coronarica in una popolazione italiana.
Metodi. In uno studio prospettico in ambito ospedaliero dal gennaio 1996 al gennaio 1999 sono stati arruolati 25 pazienti (15 maschi e 10 femmine, età media 75±1,4 anni) riconosciuti affetti alla coronarografia da anomalie coronariche. Sono stati esclusi i decorsi anomali intramiocardici e tra aorta e polmonare. Tredici pazienti (gruppo 1) su 25 erano affetti da coronaropatia critica (>50% di riduzione del diametro luminale). Dodici pazienti su 25 non presentavano segni di coronaropatia alla coronarografia (gruppo 2). Nel follow-up clinico e strumentale (54±8,4 mesi) è stata valutata la comparsa di eventi cardiovascolari (infarto miocardio acuto, angina instabile, ischemia silente, intervento di bypass aorto-coronarico o PTCA, morte per evento cardiovascolare).
Risultati. I 2 gruppi erano confrontabili per età (66,2±7,8 anni vs 66,1±11 anni, p>0,05) e frazione d'eiezione (71,2±8,6% vs 68±12,8%, p>0,05). La presenza di fattori di rischio (fumo, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia e diabete) era maggiore (p<0,04) nei coronaropatici. Durante il follow-up l'insorgenza di eventi cardiovascolari era significativamente maggiore nel gruppo 1 (11 pazienti vs 2). Una correlazione (r=0,70) è stata osservata unicamente tra la presenza di coronaropatia alla coronarografia e numero di eventi per paziente.
Conclusioni. Sembra essere confermata l'assenza di relazioni cliniche tra coronaropatia e presenza di anomalie coronariche. L'effettiva rilevanza delle anomalie coronariche nello sviluppo di flussi turbolenti predisponenti l'aterosclerosi coronarica necessita di ulteriori conferme scientifiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail