Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2001 April;49(2) > Minerva Cardioangiologica 2001 April;49(2):147-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Cardioangiologica 2001 April;49(2):147-52

lingua: Inglese, Italiano

Trombosi acuta dell'arto inferiore causata da un anello fibroso congenito dell'arteria femorale superficiale

Raso A. M., Conforti M., Cassatella R., Moniaci D., Ortensio M., Barile G., Rispoli P.


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


La stenosi isolata e segmentaria o l'ostruzione dell'arteria femorale superficiale nelle persone giovani è un'evenienza rara. Nei pazienti affetti da sintomatologia cronica agli arti inferiori, con maggior prevalenza nel sesso femminile, l'eziologia è stata riferita alla displasia fibromuscolare con localizzazione insolita. Gli Autori descrivono il caso di una paziente di 37 anni ricoverata per trombosi acuta dell'arto inferiore sinistro provocata da un anello fibroso congenito localizzato a livello dell'arteria femorale superficiale. La diagnosi istologica della lesione ha consentito di formulare l'ipotesi di un'anomalia embrionale come causa dell'insorgenza dell'anello fibroso, che ha provocato l'insorgenza di una trombosi secondaria in una paziente che non assumeva anticoncezionali orali e senza alcuna alterazione della coagulazione. La fibrodisplasia dell'arteria femorale è di solito preceduta da un trauma alla coscia, da un episodio tromboembolico seguito da ricanalizzazione del vaso o da un'arterite, ma in alcuni casi sembra essere conseguenza di una fibrodisplasia intimale primitiva. Nel sospetto di fibrodisplasia intimale, tutti gli Autori concordano sulla necessità di eseguire uno screening delle localizzazioni più frequenti della patologia: l'arteria carotide comune e l'arteria renale: nel caso descritto la ricerca ha dato risultato negativo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail