Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2001 Aprile;49(2) > Minerva Cardioangiologica 2001 Aprile;49(2):99-106

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 2001 Aprile;49(2):99-106

lingua: Inglese, Italiano

Scompenso cardiaco congestizio in pazienti ipertesi con normale funzione sistolica ed ostruzione dinamica all'eflusso del ventricolo sinistro

Sgreccia A., Morabito G., Gurgo di Castelmenardo A., Bernardo M. L., Petrilli A. C., De Leva R., De Marzio P., Nuccio F., Morelli S.


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


Obiettivo. I pazienti ipertesi con ipertrofia ventricolare sinistra e normale funzione sistolica possono sviluppare uno scompenso cardiaco refrattario alla terapia convenzionale a base di digitale, vasodilatatori e diuretici.
Metodi. Otto pazienti, 6 femmine e 2 maschi, età media 69±6 anni, affetti da ipertesione arteriosa, sono stati studiati in quanto affetti da scompenso cardiaco in classe NYHA IV nonostante terapia ottimale con digitale, nitrati e diuretici. Dopo l'anamnesi e l'esame obiettivo, in tutti i pazienti furono praticati il dosaggio degli enzimi cardiaci, gli esami ematochimici di routine, l'emogasanalisi, la radiografia del torace, l'elettrocardiogramma standard a 12 derivazioni e uno studio ecocardiografico completo.
Risultati. All'ecocardiogramma tutti i pazienti avevano un ventricolo sinistro di volume normale con ipertrofia ventricolare sinistra e funzione sistolica globale normale o supernormale. Tutti i pazienti avevano un'ostruzione dinamica all'efflusso del ventricolo sinistro, con picco di gradiente pressorio all'efflusso che variava da 36 a 130 mmHg (media: 83±31). Dopo sospensione di nitrati, digitale e diuretici e somministrazione di calcio-antagonisti o beta-bloccanti, si osservava una rapida regressione del quadro di scompenso cardiaco parallelamente alla scomparsa dell'ostruzione all'efflusso del ventricolo sinistro.
Conclusioni. Dal punto di vista clinico non è possibile risolvere la diagnosi differenziale tra scompenso cardiaco di tipo sistolico e quello di tipo diastolico con eventuale ostruzione all'efflusso del ventricolo sinistro. Comunque, una mancata risoluzione della sintomatologia mediante terapia convenzionale in un paziente iperteso da lunga data con quadro elettrocardiografico compatibile con ipertrofia ventricolare sinistra, deve indurre a sospettare uno scompenso cardiaco di tipo non sistolico e ad eseguire al più presto uno studio ecocardiografico che risulterà dirimente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail