Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2000 October;48(10) > Minerva Cardioangiologica 2000 October;48(10):297-302

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 2000 October;48(10):297-302

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Ecocardiografia in armonica tissutale nella diagnosi dell'aneurisma del setto interatriale (Studio su 550 pazienti ambulatoriali consecutivi)

Pugliese M., Paoletti V., Rinaldi E., Paradiso M., Mammarella A., Musca A.


PDF  


Obiettivo. Abbiamo valutato se l'immagine ecocardiografica in armonica tissutale migliora la diagnosi di aneurisma del setto interatriale (ASIA) rispetto all'immagine ecocardiografica fondamentale.
Metodi. Abbiamo studiato consecutivamente, usando l'immagine ecocardiografica in modalità fondamentale e in armonica tissutale, 550 pazienti ambulatoriali (con e senza cardiopatie; 300 femmine e 250 maschi; età 23-76 anni, media: 50 anni). È stata utilizzata una sonda transtoracica multifrequenza con trasmissione del segnale a 2 MHz e ricezione a 4 Mhz. L'ASIA è stato classificato secondo la classificazione di Hanley: Tipo 1A, protrudente in atrio destro senza oscillazioni; Tipo 1B protrudente in atrio destro con oscillazioni, Tipo 2, protrudente in atrio sinistro con oscillazioni. Abbiamo confrontato la definizione dell'ASIA ottenuta in modalità fondamentale ed armonica tissutale, e valutato l'accordo tra gli osservatori nella diagnosi dell'ASIA. Le immagini sono state registrate su disco magneto-ottico ed analizzate in cieco da due osservatori. Con il test di Pearson è stata valutata la concordanza interosservatori nello studio dell'ASIA; è stato così quantificato il vantaggio dell'immagine in armonica tissutale, calcolato come riduzione della variabilità interosservatore.
Risultati. Nella popolazione studiata l'ASIA era diagnosticato in 8 (1,45%) e 15 (2,72%) pazienti utilizzando rispettivamente l'immagine ecocardiografica in modalità fondamentale ed armonica. Si è osservata una significativa riduzione della variabilità interosservatore nella diagnosi di ASIA utilizzando l'immagine in armonica (immagine in armonica: r=0,96; immagine fondamentale: r=0,70).
Conclusioni. L'esame ecocardiografico in armonica tissutale migliora nettamente la definizione dell'ASIA e può essere usato routinariamente evitando in molti casi il ricorso a tecniche più invasive come l'ecocardiografia transesofagea.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail