Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2000 Giugno;48(6) > Minerva Cardioangiologica 2000 Giugno;48(6):183-200

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  


Minerva Cardioangiologica 2000 Giugno;48(6):183-200

lingua: Inglese, Italiano

Trattamento dell'ipertensione arteriosa dell'anziano con diltiazem vs ramipril

Terranova R., Luca S.


PDF  


Obiettivo. Circa il 40% della popolazione anziana è affetta da ipertensione arteriosa. È pertanto necessario un efficace trattamento antiipertensivo.
I calcio antagonisti trovano una loro collocazione nella terapia dell'ipertensione in quanto, grazie al loro meccanismo d'azione, sono in grado di determinare una vasodilatazione sistemica, oltre che coronarica.
In questo studio abbiamo voluto valutare l'attività e la tollerabilità del diltiazem in confronto con ramipril, in un gruppo di anziani affetti da ipertensione arteriosa essenziale.
Metodi. È stato eseguito uno studio controllato in singola cecità in cui i pazienti sono stati assegnati «at random» ad uno dei due gruppi «A» e «B», costituiti entrambi da 25 pazienti trattati, rispettivamente, con diltiazem ritardo da 300 mg o ramipril 5 mg in unica dose giornaliera. Lo studio, durato 6 mesi, ha valutato la pressione sisto-diastolica e la frequenza cardiaca.
Risultati. L'evoluzione è stata positiva in tutti i pazienti del gruppo «A» e nella maggior parte dei pazienti del gruppo «B», con normalizzazione dei valori sia sistolici che diastolici, mentre la frequenza cardiaca ha subìto un calo più persistente nei pazienti del gruppo «A» come del resto prevedibile in virtù del meccanismo d'azione del diltiazem.
Nessun paziente del gruppo «A» ha dovuto sospendere la terapia, mentre un paziente del gruppo «B» ha dovuto interromperla a causa dell'insorgenza di tosse persistente.
Conclusioni. Entrambi i trattamenti hanno determinato, in modo similare, una variazione della pressione arteriosa sisto-diastolica. In base ai risultati dello studio è possibile affermare che il diltiazem ritardo alla posologia di 300 mg die per os in monosomministrazione, si è dimostrato efficace e ben tollerato nella terapia dell'ipertensione arteriosa essenziale di grado lieve/moderato nei pazienti anziani.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail