Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 1999 Ottobre;47(10) > Minerva Cardioangiologica 1999 Ottobre;47(10):347-50

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 1999 Ottobre;47(10):347-50

lingua: Italiano

Lesioni carotidee e fattori di rischio vascolare

Lipari G., Benedetti S., Stefenelli N., Ghizzi M., Migliara B., Dellis C., Zardini C., Baggio E.


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. Recenti studi hanno evidenziato una significativa incidenza, nella popolazione generale, di arteriopatia obliterante degli arti inferiori spesso misconosciuta. Non sempre fattori di rischio «classici» ‹ come ad esempio la dislipidemia ‹ sono presenti in significative percentuali in pazienti portatori di arteriopatia obliterante cronica degli arti inferiori. Scopi del nostro studio erano quelli di valutare l'incidenza dei più comuni fattori di rischio vascolari noti (fumo, ipertensione, iperglicemia, dislipidemia), in pazienti portatori di lesioni stenosanti degli assi carotidei extracranici, confrontando poi i dati ottenuti con gli analoghi già rilevati per gli arti inferiori. Volevamo valutare inoltre l'associazione tra gli stessi fattori di rischio, le lesioni ateromasiche carotidee e la cardiopatia ischemica (CI).
Metodi. Il disegno di indagine è di tipo retrospettivo, con valutazione dei dati di 1643 pazienti esaminati consecutivamente. Ne sono stati considerati eligibili 636 (età &Mac178; 40 anni, stenosi carotidee &Mac179; 40%, presenza di fattori di rischio).
Risultati. I risultati hanno evidenziato come, al contrario dei rilievi ottenuti sui pazienti portatori di arteriopatie periferiche, tra i fattori di rischio più frequentemente associati non vi è il diabete, mentre assai elevato è il numero di pazienti con storia di tabagismo, sia fumatori che ex fumatori.
Conclusioni. La differenza del tipo di fattori di rischio più frequenti tra arteriopatie periferiche e lesioni carotidee suggerisce diversi meccanismi eziopatogenetici tra i due distretti.

inizio pagina