Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 1999 October;47(10) > Minerva Cardioangiologica 1999 October;47(10):329-38

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 1999 October;47(10):329-38

lingua: Inglese, Italiano

Aneurismi ricorrenti: complicanza tardiva in pazienti sottoposti a pregressa sostituzione dell'aorta addominale

De Monti M., Ghilardi G., Lazaridis J., Scorza R.


PDF  


Obiettivo. Attualmente la diagnostica vascolare non invasiva ci consente di affrontare con estrema accuratezza il problema della possibile evoluzione della malattia aneurismatica nei soggetti già sottoposti ad intervento di sostituzione aortica con protesi retta o biforcata. L'idea di pianificare, per questi pazienti, un follow-up che si basi su accurate valutazioni ultrasonografiche si fonda sulla convinzione che l'aneurisma aortico in realtà rappresenti la prima manifestazione di una patologia sistemica legata a difetti nel tessuto connettivo che avrebbe basi di tipo genetico.
Metodi. Vengono descritte due diverse esperienze di follow-up dei pazienti operati di chirurgia aortica: una prima esperienza di oltre dieci anni (presso l'Istituto di Chirurgia Generale e Cardiovascolare dell'Università di Milano) in cui il follow-up veniva eseguito in modo non pianificato e soprattutto in modo esclusivamente clinico e una nuova esperienza recente di follow-up pianificato su base soprattutto strumentale.
Risultati. Vengono descritti 31 casi di veri aneurismi ricorrenti in 13 pazienti già sottoposti ad endoaneurismectomia addominale aortica in un intervallo di tempo variabile tra i 3 e i 13 anni. Malgrado il fatto che tutti i pazienti fossero stati inseriti in un ordinario programma di follow-up, nella realtà dei fatti, 25 nuovi aneurismi sono stati scoperti occasionalmente, nel corso di indagini eseguite per altri motivi, oppure in occasione della loro rottura, mentre negli ultimi due anni, su 95 pazienti sottoposti a follow-up strumentale sono stati scoperti 6 nuovi aneurismi.
Conclusioni. Le diagnosi di nuovi veri aneurismi paranastomotici o di ectasie di arterie native a distanza dalla protesi aortica sono sempre più frequenti. Tuttavia nella letteratura internazionale sono pochi gli studi prospettici che si basino su programmi di follow-up strumentale dei pazienti operati per aneurisma aortico. Gli Autori ritengono che sia attualmente indispensabile inserire nei comuni programmi di follow-up una sorveglianza di tipo ultrasonografico sia dell'aorta periprotesica sia delle altre arterie native, possibili sedi di nuovi aneurismi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail