Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 1999 Ottobre;47(10) > Minerva Cardioangiologica 1999 Ottobre;47(10):321-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi

Organo ufficiale della Società Italiana di Angiologia e Patologia Vascolare
Pubblicazione segnalata su: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,530

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4725

Online ISSN 1827-1618

Minerva Cardioangiologica 1999 Ottobre;47(10):321-8

 

    ARTICOLI ORIGINALI

Ispessimento intimo-mediale delle arterie carotidi comuni ed arteriopatia obliterante periferica negli anziani

Mattace Raso F., Rosato M., Talerico A., Cotronei P., Mattace R.

Obiettivo. Nel presente studio gli Autori hanno considerato l'eventuale associazione tra l'ispessimento intimo-mediale delle arterie carotidi comuni e la presenza di arteriopatia obliterante periferica in un gruppo di anziani. E' stata considerata, inoltre, la presenza di fattori di rischio cardiovascolari.
Metodi. E' stato misurato il valore dell'ispessimento intimo-mediale delle arterie carotidi comuni mediante eco color-Doppler in 80 soggetti. I criteri per la diagnosi di arteriopatia obliterante periferica erano la presenza di claudicatio intermittens e/o indice di Winsor <0,9. In tutti i soggetti sono stati eseguiti l'esame clinico e gli esami ematochimici di routine. L'analisi della regresione lineare è stata utilizzata per valutare la correlazione esistente tra l'ispessimento intimo-mediale delle arterie carotidi comuni e la presenza di arteriopatia obliterante periferica.
Risultati. Vi era una associazione statisticamente significativa tra i valori dell'ispessimento intimo-mediale delle arterie carotidi comuni e la presenza di arteriopatia obliterante periferica. 64 (80%) soggetti presentavano uno o più fattori di rischio cardiovascolari associati.
Conclusioni. I nostri risultati confermano che l'ispessimento intimo-mediale delle arterie carotidi comuni è un marker utile per l'identificazione di aterosclerosi pluridistrettuale già nei primi stadi di sviluppo.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina