Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 1999 Luglio-Agosto;47(7-8) > Minerva Cardioangiologica 1999 Luglio-Agosto;47(7-8):255-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

 

Minerva Cardioangiologica 1999 Luglio-Agosto;47(7-8):255-60

 CASI CLINICI

Tromboembolia venosa e carcinoma renale

Valente M., Ponte E.

Esiste una vasta letteratura che documenta i rapporti tra cancro e malattia tromboembolica venosa. Molti aspetti di questa associazione rimangono oscuri ed al momento attuale non è ancora chiaro come ci si debba comportare di fronte ad un paziente con malattia tromboembolica venosa apparentemente idiopatica.
Viene descritto il caso di un paziente affetto da malattia tromboembolica venosa, che, sottoposto, a scopo prudenziale, ad una ecografia addominale per escludere una neoplasia, fu ritenuto portatore di metastasi epatiche con questa metodica, ma successivamente, sottoposto ad una TAC, si dimostrò portatore, in sede epatica, di un'angiomatosi, e, in sede renale bilateralmente, di due piccole neoplasie.
Nonostante al momento attuale non ci siano indicazioni della letteratura ad eseguire uno screening per la ricerca di un tumore occulto in pazienti con malattia tromboembolica venosa idiopatica, questo caso evidenzia come la scelta medica di richiedere un'ecografia addominale abbia salvato la vita al soggetto.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina