Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 1999 April;47(4) > Minerva Cardioangiologica 1999 April;47(4):95-120

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 1999 April;47(4):95-120

lingua: Italiano

Modificazioni emoreologiche indotte dalla terapia eparinica (Viscosità ematica capillare, deformità eritrocitaria, indice di aggregazione)

Achilli E., Cortinovis A., Ardemagni P., Crippa A.


PDF  


Obiettivo. Uno dei problemi più importanti che il medico si trova ad affrontare nella pratica di tutti i giorni è rappresentato dalle malattie vascolari occlusive, alla cui base c'è comunemente un processo di trombosi. Per questo motivo, è di vitale importanza poter stabilire precocemente quali siano i soggetti a rischio trombotico e quale sia la strategia terapeutica più appropriata.
Metodi. Si sono considerati 13 soggetti a rischio trombotico ricoverati presso la sezione di Clinica Medica I, Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Medica dell'Università di Pavia, IRCCS Policlinico S.Matteo, e 12 soggetti volontari sani, nel periodo tra marzo e giugno 1998, valutando l'età, il sesso, il peso, le patologie e la terapia in atto, parametri emocitologici, emocoagulativi ed emoreologici prima e dopo terapia eparinica.
Risultati. La viscosità ematica generale, misurata con metodo rotazionale e a doppia filtrazione, non ha dato variazioni significative; al contrario la viscosità ematica capillare e la deformabilità eritrocitaria, misurate con il nuovo metodo a doppia filtrazione, hanno subito rispettivamente un aumento ed una diminuzione.
Conclusioni. L'eparina calcica è il farmaco antitrombotico più frequentemente utilizzato nelle malattie trombotiche e nella loro prevenzione, ma è controversa la sua azione sul profilo emoreologico. Da questo studio risulta che essa aumenta il grado di aggregazione eritrocitaria e riduce la deformabilità eritrocitaria, potendo esercitare un effetto avverso sul microcircolo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail