Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 1999 January-February;47(1-2) > Minerva Cardioangiologica 1999 January-February;47(1-2):31-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Cardioangiologica 1999 January-February;47(1-2):31-8

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Gli aneurismi micotici da salmonella: trattamento chirurgico tradizionale ed ''alternativo'' mediante homograft arterioso

Locati P., Socrate A. M., Costantini E.


PDF  


L'infezione dell'aorta addominale da salmonella con la formazione di un aneurisma micotico (AM) è un evento raro, ma gravato da elevata mortalità e morbilità. Per l'evoluzione imprevedibile e rapida dell'aneurisma è indicato, oltre alla terapia antibiotica che deve essere prolungata e mirata, il trattamento chirurgico anche nel solo sospetto d'eziologia infettiva. La rivascolarizzazione periferica prevede tradizionalmente l'utilizzo di materiale sintetico posto in sede extranatomica o in situ. Entrambi i metodi possono presentare complicanze e/o inconvenienti. Una metodica «alternativa» presentata recentemente è quella di utilizzare materiale arterioso omologo, che consente una rivascolarizzazione in situ più emodinamica ed a basso rischio di infezione.
Nel presente lavoro sono presentati due casi di aneurisma da salmonella e le motivazioni che ci hanno fatto preferire, nel primo caso la rivascolarizzazione extranatomica e, nel secondo caso, quella in situ con materiale omologo arterioso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail