Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2007 Gennaio-Febbraio;73(1-2) > Minerva Anestesiologica 2007 Gennaio-Febbraio;73(1-2):13-21

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 2007 Gennaio-Febbraio;73(1-2):13-21

lingua: Italiano, Inglese

Confronto fra anestesia subaracnoidea e blocco femoro-ischiatico nella chirurgia artroscopica del ginocchio

Spasiano A., Flore I., Pesamosca A., Della Rocca G.

Department of Anesthesiology and Intensive Care University of Udine, Udine, Italy


FULL TEXT  ESTRATTI


Obiettivo. Scopo di questo nostro lavoro prospettico randomizzato è stato quello di confrontare due tecniche anestesiologiche nell’esecuzione della chirurgia artroscopica del ginocchio: l’anestesia subaracnoidea e il blocco femoro-ischiatico, prendendo in considerazione le modificazioni dei parametri emodinamici, l’anestesia in corso di intervento, l’analgesia postoperatoria, la durata del blocco motorio e la ripresa della diuresi, gli effetti collaterali ed il gradimento da parte del paziente.
Metodi. Trentadue pazienti sono stati suddivisi in modo randomizzato in 2 gruppi: Gruppo B (blocco femoro-ischiatico con mepivacaina 1% 15+25 ml, ago 120 mm/35 mm-22G ed ElettroNeuroStimolatore) e Gruppo S (anestesia subaracnoidea selettiva con 7 mg di bupivacaina iperbarica 0,5% e ago Sprotte 25 Gauge in spazio L2-L3). Abbiamo registrato i parametri emodinamici (basale, a 5, 10, 15, 30 minuti) ed il dolore, utilizzando la Scala Numerica Verbale (NRS) durante l’applicazione del laccio pneumo-ischemico e durante la procedura chirurgica, la qualità dell’anestesia e la valutazione ortopedica riguardo alla libertà di movimento intraoperatoria del ginocchio. Nel postoperatorio abbiamo registrato a 2, 4 e 6 ore: analgesia postoperatoria, blocco motorio residuo, ripresa della diuresi, effetti collaterali, richiesta di farmaci analgesici e grado di soddisfazione del paziente. Abbiamo inoltre calcolato i costi di ciascuna procedura.
Risultati. L’unica differenza significativa fra i due gruppi (P<0,05) è stata trovata per la frequenza cardiaca a 10, 15, 30 minuti con un aumento nel gruppo B e una riduzione nel gruppo S, e per la ripresa della diuresi avvenuta più tardi nel gruppo S (200±69 min vs 269±66 min).
Conclusioni. Il blocco del nervo femoro-ischiatico è una valida alternativa all’anestesia subaracnoidea per la chirurgia artroscopica del ginocchio in day-surgery e permette una dimissione più precoce e sicura dall’ospedale.

inizio pagina