Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2006 December;72(12) > Minerva Anestesiologica 2006 December;72(12):985-93

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  FREEfree


Minerva Anestesiologica 2006 December;72(12):985-93

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Reintervento di rivascolarizzazione miocardica a cuore battente ed uso di emoderivati

Gerli C., Mantovani L., Franco A., De Luca M., Bergonzi P. C., Boroli F., Romano A., Landoni G., Zangrillo A.

Department of Cardiovascular Anesthesia IRCCS San Raffaele Hospital, Milan, Italy


FULL TEXT  


Obiettivo. Il reintervento di bypass coronarico è associato a un’elevata morbidità e a una difficile gestione perioperatoria del paziente, caratterizzata, in particolare, da importanti sanguinamenti. La tecnica off pump può offrire specifici vantaggi nel reintervento, in quanto esiste una minore interazione tra il sangue e superfici estranee. Sono stati studiati 5 anni di database per valutare il ruolo della tecnica off pump nel ridurre il bisogno di emoderivati nei reinterventi di bypass coronarico.
Metodi. Questo studio caso-controllo è stato condotto in un ospedale universitario su 132 pazienti consecutivi sottoposti a reintervento di bypass coronarico con tecnica off pump (gruppo OP, 41 pazienti) o con bypass cardiopolmonare (gruppo CPB, 91 pazienti). Sono state eseguite analisi univariate e multivariate.
Risultati. Non esistevano differenze preoperatorie tra i 2 gruppi; il numero medio di graft per paziente era di 1,4±0,7 per il gruppo OP e 2,5±1 per il gruppo CPB. La frequenza dei pazienti trasfusi con emazie concentrate è significativamente (P=0,004) più alta nel gruppo CPB (47,3%) rispetto al gruppo OP (19,5%). A un’analisi multivariata, gli unici fattori indipendentemente associati alla trasfusione di emoderivati risultavano l’uso del bypass cardiopolmonare (OR: 4,1, IC: 1,6 - 10,1), e il sesso femminile (OR: 7, IC: 2,1 - 16,1).
Conclusioni. Presso il nostro centro, la chirurgia coronarica con tecnica off pump è associata a una riduzione di trasfusioni di emoderivati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail