Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6) > Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6):597-604

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

SMART SUMMER  SMART 2006 - Milano, 10-12 maggio 2006


Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6):597-604

lingua: Inglese

Meaning of arterio-venous PCO2 difference in circulatory shock

Lamia B., Monnet X., Teboul J. L.

Unit of Medical Intensive Care Bicetre University Hospital University Paris XI, Paris, France


FULL TEXT  


La differenza veno-arteriosa di tensione di anidride carbonica (∆PCO2) si può calcolare dopo campionamento simultaneo del sangue arterioso (PaCO2) e del sangue venoso misto dal distale di un catetere in arteria polmonare (PvCO2). In condizioni fisiologiche ∆PCO2 va da 2 a 5 mmHg. ∆PCO2 dipende in modo complesso dall’anidride carbonica e dal cardiac output. In questo articolo esponiamo dettagliatamente l’influenza di questi fattori su ∆PCO2 in condizioni normossiche e ipossiche. Abbiamo prove che ∆PCO2 non si possa utilizzare come marker di ipossia tissutale contrariamente a quanto si pensava inizialmente. Tuttavia ∆PCO2 si può considerare un marker di adeguatezza di flusso venoso (i.e. cardiac output) per rimuovere la CO2 totale prodotta dai tessuti periferici. Riguardo a ciò, conoscere ∆PCO2 può aiutare i medici nella scelta di dare una terapia mirata all’incremento di cardiac output.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail