Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6) > Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6):509-19

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

SMART SUMMER  SMART 2006 - Milano, 10-12 maggio 2006


Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6):509-19

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Microcirculatory recruitment maneuvers correct tissue CO2 abnormalities in sepsis

Almac E. 1, Siegemund M. 2, Demirci C.3, Ince C.1

1 Department of Physiology Academic Medical Center University of Amsterdam Amsterdam, The Netherlands
2 Department of Anaesthesia and Intensive Care University Hospital University of Basel, Basel, Switzerland.
3 Department of Biology Faculty of Science University of Istanbul, Instanbul, Turkey


FULL TEXT  


Aumenti di pressione parziale di anidride carbonica tissutale erano stati osservati in pazienti critici affetti da shock e sepsi già da molto tempo e sono stati proposti come marker di ipossia tissutale più affidabile rispetto a quelli tradizionali. Tuttavia non sono ancora chiari i meccanismi che causano questi aumenti, specialmente in corso di sepsi e endotossiemia. Studi recenti hanno fornito dati ulteriori che supportano l’idea che questi aumenti di pressione parziale di CO2 durante sepsi siano causati da deficit nella perfusione microcircolatoria dovuti a danni mitocondriali nel tempo. In precedenza abbiamo definito questa condizione, nella quale l’ipossia regionale e il deficit di estrazione di ossigeno persistono nonostante la correzione delle variabili relative alla distribuzione sistemica di ossigeno, come “microcirculatory and mitochondrial distress syndrome” (MMDS). Risultati recenti supportano l’idea che la progressione dallo stadio di sepsi iniziale a grave sia accompagnata o causata da disfunzioni microcircolatorie, che conducono a disfunzioni mitocondriali nel tempo. Perciò l’identificazione precoce delle disfunzioni microcircolatorie e la correzione con manovre di reclutamento del microcircolo sono necessarie per assicurare adeguata perfusione microcircolatoria e ossigenazione tissutale. Le tecniche di imaging microcircolatorie, come SDF, sono uno strumento utile e, se combinate con altre misure dell’ossigenazione sistemica e tissutale regionale, possono fornire più informazioni sull’ossigenazione tissutale e sono uno strumento promettente per i ricercatori nell’ambito microcircolatorio e per la cura dei pazienti critici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail