Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6) > Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6):483-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

  SMART 2006 - Milano, 10-12 maggio 2006


Minerva Anestesiologica 2006 June;72(6):483-7

lingua: Inglese

Hemodynamic monitoring in ICU

Stucchi R. 1, Poli G. 2, Fumagalli R. 1,2

1 Institute of Anesthesia and Intensive Care Faculty of Medicine, University of Milano-Bicocca, Milan, Italy
2 Department of Anesthesia and Intensive Care Intensive Care Unit Ospedali Riuniti, Bergamo, Italy


FULL TEXT  


L’apporto di ossigeno ai tessuti è possibile solo in condizione di un adeguato flusso sanguigno. La richiesta di ossigeno rappresenta la forza responsabile delle regolazioni emodinamiche. L’organismo agisce su 4 modulatori (volume intravascolare, inotropismo, vasoattività, cronotropismo) al fine di regolare lo stato emodinamico.
Il monitoraggio emodinamico consiste in tecniche capaci di valutare lo stato emodinamico del paziente e di comprendere i meccanismi alla base dello scompenso; l’obiettivo è mantenere un’adeguata perfusione tessutale attraverso appropriati interventi terapeutici. Una diagnosi precoce di uno stato emodinamico alterato è cruciale per un trattamento precoce; alcuni studi hanno indagato l’efficacia di interventi sull’emodinamica con risultati contrastanti: troppe variabili possono infatti modificare i risultati: il tempo di inizio e la durata del trattamento, i farmaci usati, ecc..
Tuttavia almeno in alcune specifiche condizioni come la sepsi, un intervento precoce ha un impatto positivo sulla mortalità.
In questa presentazione verranno brevemente analizzati i principali parametri utilizzati nelle Unità di Terapia Intensiva.
Verranno considerati la pressione arteriosa, la pressione venosa centrale, i parametri derivati dal cateterismo dell’arteria polmonare, la SvO2 e la loro relazione con la perfusione d’organo e verranno riesaminati gli aspetti positivi e negativi di questo tipo di monitoraggio.
A partire da queste considerazioni vorremmo sottolineare l’importanza di comprendere le basi fisiologiche del monitoraggio e la corretta interpretazione di dati al fine di migliorare l’outcome del paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail