Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2006 Maggio;72(5) > Minerva Anestesiologica 2006 Maggio;72(5):329-36

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE


Minerva Anestesiologica 2006 Maggio;72(5):329-36

lingua: Italiano, Inglese

Confronto tra Bispectral Index e scala di Ramsay per il monitoraggio della sedazione in terapia intensiva

Consales G., Chelazzi C., Rinaldi S., De Gaudio A. R.

Anesthesiology and Resuscitation Unit Department of Medical and Surgical Intensive Care University of Florence Careggi Hospital, Florence, Italy


FULL TEXT  ESTRATTI


Obiettivo. Il monitoraggio in continuo della sedazione riveste una grande importanza al fine di ottenere un corretto livello di sedazione nei pazienti ricoverati in Terapia Intensiva. Le scale di valutazione clinica, benchè semplici e non costose, risultano spesso inadeguate nel valutare il livello di coscienza dei pazienti. Tra i metodi strumentali di monitoraggio della sedazione il Bispectral Index è oggi largamente usato grazie alla sua semplicità e affidabilità clinica. Tuttavia permangono dubbi sulla sua utilità in Terapia Intensiva.
Metodi. Il livello di sedazione, ottenuta con propofol o midazolam, è stato monitorizzato applicando la scala di Ramsay e il Bispectral Index a 40 pazienti ricoverai in Terapia Intensiva per il monitoraggio intensivo dopo interventi di chirurgia maggiore addominale o vascolare. È stata cercata una correlazione tra i dati ottenuti utilizzando il test di Pearson.
Risultati. È stata trovata una buona correlazione tra valori di Bispectral Index e punteggio della scala di Ramsay. Al punteggio 6 della scala di Ramsay ha corrisposto un ampio spettro di valori di Bispectral Index, a indicare l’esistenza di vari livelli di depressione del sistema nervoso centrale che non sono discriminati dal punteggio di Ramsay.
Conclusioni. Il Bispectral Index risulta utile in Terapia Intensiva per il monitoraggio in continuo della profondità della sedazione. Tale metodo strumentale sembra essere particolarmente adatto al monitoraggio dei pazienti più profondamente sedati.

inizio pagina