Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2006 March;72(3) > Minerva Anestesiologica 2006 March;72(3):133-43

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

  RIANIMAZIONE


Minerva Anestesiologica 2006 March;72(3):133-43

lingua: Inglese

Acute kidney dysfunction and the critically ill

Hoste E. A. J. 1, Kellum J. A. 2

1 Intensive Care Unit Ghent University Hospital, Ghent, Belgium
2 The CRISMA Laboratory (Clinical Research Investigation and Systems Modeling of Acute illness) Department of Critical Care Medicine University of Pittsburgh, Pittsburgh
Pennsylvania, USA


FULL TEXT  


Dati i devastanti effetti che l’insufficienza renale acuta sortisce sul decorso clinico e la prognosi dei pazienti gravemente ammalati, è dovere di ogni operatore di un’unità di terapia intensiva di comprendere le cause e gli effetti della patologia. Essa è comune e dispendiosa e persino le forme più lievi richiedono attenzione. Nuove promettenti terapie sono attualmente in fase di valutazione. Al momento del ricovero, l’attenzione ai principi fondamentali, per evitare ulteriori danni derivanti dalla deplezione del volume, dall’ipotensione e dalle nefrotossine, sarà la prima preoccupazione del gruppo operativo dell’unità di terapia intensiva. Per le forme di insufficienza renale acuta stabilizzate, si consiglia di instaurare una terapia sostitutiva della funzione renale il prima possibile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail