Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2005 September;71(9) > Minerva Anestesiologica 2005 September;71(9):543-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

REVIEW  III MEETING OF PAIN SECTION OF SIAARTI
INTERNATIONAL J. J. BONICA MEMORIAL
Capo Calavà (Messina), 20-23 Settembre 2004


Minerva Anestesiologica 2005 September;71(9):543-7

Costs and quality in loco-regional anesthesia

Piacevoli Q. 1, Azzeri F. 1, Principi F. 2, Di Angelo P. 2

1 Unit of Anesthesia and Intensive Care II San Filippo Neri Hospital, Rome, Italy
2 Unit of Anesthesia Regina Elena Institute, IFO, Rome, Italy


FULL TEXT  


La qualità può essere considerata come un elemento strategico per la progettazione e l’implementazione di politiche sociali e sanitarie, come importante fattore di garanzia per l’utenza, come componente di una positiva competitività tra strutture erogatrici e, infine, come mezzo per ridurre sprechi e procedure inadeguate.
Anche nella gestione delle tecniche di anestesia loco-regionale si dovrebbero applicare gli stessi principi.
Esiste una continua competizione tra i vari trattamenti disponibili in riferimento alla qualità della cura e ai suoi costi. Tutto questo porta a uno stretto controllo della spesa sanitaria che dovrebbe quindi essere basata sulla valutazione dei risultati ottenuti in termini di salute. Ovviamente i costi del materiale, del tempo lavorativo dedicato a svolgere un intervento, delle strutture impegnate e del personale impiegato sono inevitabili.
Qualità è quel tipo di trattamento che massimizza il benessere del paziente dopo che si sono valutati i rischi ed i benefici attesi di un trattamento terapeutico globalmente considerato.
L’incidenza del dolore postoperatorio è tuttora assai elevata; infatti, più del 75% dei pazienti operati dichiara di aver sofferto dopo l’intervento di un dolore di entità da moderata a grave; gli stessi dati risultano in campo pediatrico e oncologico: questi risultati dovrebbero incoraggiare a perseguire sempre la qualità clinica, nella conduzione di anestesie loco-regionali che abbiano lo scopo di migliorare l’outcome del paziente sottoposto a intervento chirurgico, pur tenendo nella giusta considerazione anche esigenze di tipo economico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail