Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8) > Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8):479-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

REVIEW  III MEETING OF PAIN SECTION OF SIAARTI
INTERNATIONAL J. J. BONICA MEMORIAL
Capo Calavà (Messina), September 20-23, 2004


Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8):479-82

lingua: Inglese

Scrambler therapy

Sabato A. F. 1, Marineo G. 2, Gatti A. 1

1 Anesthesiology and Resuscitation Unit Service of Physiopathology and Therapy of Pain Department of Emergency Tor Vergata University, Rome, Italy
2 Delta Research and Development Medical Bioengineering Research Centre Rome, Italy


FULL TEXT  


Nelle neuropatie ci sono complesse reazioni che modificano l’equilibrio omeostatico del sistema del dolore. In questo contesto la Scrambler Therapy (ST5) interferisce con la trasmissione del segnale doloroso, inserendo un’informazione di “non dolore” nelle fibre nervose.
Lo scopo di questo studio è stato valutare l’efficacia della ST5 nel trattamento del dolore neuropatico.
La ST5 è un apparato multiprocessore capace di simulare 5 neuroni artificiali attraverso l’applicazione di elettrodi superficiali su aree cutanee dolenti.
Nel 2004 sono stati reclutati per lo studio 226 pazienti, tutti affetti da dolore neuropatico farmaco-resistente. Criteri di inclusione: dolore neuropatico, scala visiva analogica (VAS) con valore iniziale molto alto. Criteri di esclusione: portatori di pacemaker, blocchi neurolitici o trattamenti neurolesivi per il controllo del dolore.
Le neuropatie trattate sono state: failed back surgery syndrome (FBSS), lombosciatalgia, neuralgia post-erpetica (post-herpetic neuralgia, PHN), nevralgia del trigemino, neuropatia post-chirurgica, neuropatia del pudendo, neuropatia del plesso brachiale, low back pain (LBP) e altre.
Il protocollo: da 1 a 6 cicli terapeutici di 5 trattamenti, ciascuno della durata di 30 minuti.
L’intensità del dolore è stata valutata mediante VAS prima e dopo ciascun trattamento. La significatività statistica della VAS è stata valutata usando il t-test.
I risultati totali mostrano un 80,09% di responders (riduzione del dolore >50%), 10,18% di parzialmente responders (riduzione del dolore compresa tra 25% e 49%) e 9,73% di non responders (riduzione del dolore<24% o VAS >3).
Sulla base dei risultati gli Autori concludono che la ST5 produce una riduzione del dolore statisticamente significativa (P<0,001).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail