Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2005 Luglio-Agosto;71(7-8) > Minerva Anestesiologica 2005 Luglio-Agosto;71(7-8):475-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

REVIEW  III MEETING OF PAIN SECTION OF SIAARTI
INTERNATIONAL J. J. BONICA MEMORIAL
Capo Calavà (Messina), 20-23 Settembre 2004


Minerva Anestesiologica 2005 Luglio-Agosto;71(7-8):475-8

lingua: Inglese

Biological consequences of long-term intrathecal administration of opioids

Raffaelli W. 1, Salmosky-Dekel B. G. 2

1 Unit of Pain Therapy and Palliative Treatments Ospedale Infermi, Rimini, Italy
2 Department of Surgical and Anesthesiological Sciences, University of Bologna, Bologna, Italy


FULL TEXT  


La somministrazione di oppioidi per via intratecale produce una potente analgesia attraverso l’attivazione dei recettori oppioidi spinali. La somministrazione a lungo termine di oppioidi per questa via è una valida tecnica antalgica per il trattamento del dolore cronico di origine neoplastica e non. Sono meno noti gli effetti degli oppioidi somministrati per via spinale su sistemi corporei diversi da quelli prettamente legati alla nocicezione. È noto da tempo che gli oppioidi esogeni interagiscono coi propri recettori anche al di fuori del classico sistema della nocicezione. In questo contesto gli oppioidi sono in grado di modulare l’attività di vari sistemi biologici quali quello immunitario e quello endocrino. La conoscenza degli effetti degli oppioidi su questi sistemi è di primaria rilevanza clinica. La modulazione dei sistemi biologici da parte degli oppioidi esogeni modifica l’omeostasi del corpo e il clinico deve conoscere tali modificazioni onde poterli anticipare, monitorare oppure sfruttare nel piano terapeutico. È inoltre importante la conoscenza della variabilità di questi effetti in funzione della via di somministrazione degli oppioidi. La presente comunicazione è una rassegna delle principali nozioni relative a questa tematica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail