Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8) > Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8):419-23

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

REVIEW  III MEETING OF PAIN SECTION OF SIAARTI
INTERNATIONAL J. J. BONICA MEMORIAL
Capo Calavà (Messina), 20-23 Settembre 2004
FREEfree


Minerva Anestesiologica 2005 July-August;71(7-8):419-23

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Applied nanotechnology for the management of breakthrough cancer pain

Sprintz M. 1, Benedetti C. 2, Ferrari M. 3, 4

1 Biomedical Engineering Center, The Ohio State University, Columbus, OH, USA 2 Department of Anesthesiology, The Ohio State University, Columbus, OH, USA 3 National Cancer Institute, Bethesda, MD, USA 4 Division of Hematology and Oncology and Davis Heart and Lung Research Institute The Ohio State University, Columbus, OH, USA


FULL TEXT  


Il dolore, spesso considerato il 5° segno vitale, gioca un ruolo significativo nella fisiopatologia del cancro. Spesso raccontato come un ripensamento, il dolore correlato al cancro, trattato e non trattato, può avere effetti deleteri sugli aspetti psichici e psicologici del paziente. Inoltre, i pazienti con accessi dolorosi tendono ad avere tali tipi di manifestazioni in modo più intenso e più frequente rispetto ai pazienti che non li hanno. Attualmente, il fontanile citrato per via orale transmucosa (OTCF) è diventato disponibile sul mercato per il trattamento degli accessi di dolore neoplastico. OTCF rappresenta un eccellente primo passo verso l’esigenza non soddisfatta di avere un sollievo sintomatico dagli accessi dolorosi; tuttavia, vi sono ancora margini di miglioramento.
I progressi della scienza che si occupa di nanomolecole e quelli della nanotecnologia, a lungo termine, porteranno cambianti rivoluzionari nella società influenzando virtualmente tutte le discipline, dalla fisica alla biologia, all’ingegneria e in particolare la medicina. La nanotecnologia ha potenzialmente la capacità di soddisfare i principali problemi in attesa di soluzione riguardanti la diagnosi, il trattamento e la gestione dei sintomi per una grande varietà di patologie, compreso il cancro. La nanotecnologia può favorire progressi fondamentali per gli aspetti cruciali della lotta contro il cancro, in ogni aspetto del continuum rappresentato dalla prevenzione, dalla diagnosi precoce, dallo screening, dal monitoraggio, innovando le modalità diagnostiche e terapeutiche nell’era della medicina molecolare incentrata sul paziente. Più specificamente, gli autori illustreranno le loro attuali ricerche nel campo della nanotecnologia biomedica e la sua applicazione alla gestione degli accessi di dolore neoplastico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail