Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2005 June;71(6) > Minerva Anestesiologica 2005 June;71(6):265-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

  SMART 2005 - Milano, 11-13 maggio 2005


Minerva Anestesiologica 2005 June;71(6):265-72

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

The use of positive end-expiratory pressure in the management of the acute respiratory distress syndrome

Villar J.

Research Institute Hospital Universitario N.S. de Candelaria Tenerife, Spain Research Center, St. Michael´s Hospital Toronto, Canada


FULL TEXT  


Durante gli ultimi 2 decenni, la ricerca clinica e sperimentale sugli effetti della pressione positiva al termine dell’espirazione (PEEP) ha fornito una serie di informazioni. L’applicazione della PEEP ha come obiettivo di aumentare la pressione dell’ossigeno arterioso (PaO2); tuttavia viene generalmente ritenuto inappropriato utilizzare come obiettivo finale il semplice aumento della PaO2. Per spiegare la migliorata funzione polmonare e il migliorato scambio di gas ottenuti con la PEEP sono stati proposti 4 meccanismi: 1) aumentata capacità funzionale residua; 2) reclutamento alveolare; 3) ridistribuzione dell’acqua polmonare extravascolare e 4) migliorato rapporto ventilazione/perfusione. Il metodo ottimale di applicazione della PEEP è ancora oggetto di discussione. L’effetto principale della PEEP è quello di mantenere il reclutamento delle unità alveolari che erano precedentemente collassate. Di conseguenza, dal mo-mento che il volume corrente viene distribuito a più alveoli, il picco della pressione nelle vie aeree viene ridotto e aumenta la compliance. In corso di danno polmonare acuto e a seconda della gravità della penumopatia, la PEEP può modificare in modo marcato la compliance del polmone attraverso il reclutamento alveolare. Più vi è collasso alveolare e edema polmonare, più la curva della compliance del sistema respiratorio si sposta verso il basso e verso destra. Quando viene applicata la PEEP, e vengono reclutati gli alveoli, la curva pressione-volume si sposta verso l’alto e verso sinistra.
Nonostante il suo beneficio intuibile, sono veramente pochi gli studi controllati sugli effetti della PEEP sul decorso della sindrome acuta da distress respiratorio (ARDS) e, ancora recentemente, non vi sono studi prospettici randomizzati e controllati sull’utilizzo della PEEP in pazienti con danno polmonare acuto e/o ARDS per valutarne l’efficacia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail