Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2005 Aprile;71(4) > Minerva Anestesiologica 2005 Aprile;71(4):137-46

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 2005 Aprile;71(4):137-46

lingua: Italiano, Inglese

Analgesia perioperatoria in chirurgia polmonare

Palermo S. 1, Gastaldo P. 2, Malerbi P. 2, Benvegnù G. 2, Nicoscia S. 1, Launo C. 1

1 Pain Therapy Unit University of Genoa, Genoa
2 DiSCAT Anaesthesia Department University of Genoa, Genoa


FULL TEXT  


Obiettivo. In chirurgia polmonare, molti studi hanno dimostrato che il dolore associato ai residui dell’anestesia, comporta una riduzione dei volumi polmonari e del riflesso della tosse con conseguente aumentata incidenza di morbilità e mortalità postoperatoria. I sistemi di controllo del dolore postoperatorio più utilizzati vedono l’analgesia continua sistemica e quella epidurale.
Scopo di questo studio è confrontare le 2 tecniche al fine di verificarne i relativi vantaggi clinici.
Metodi. Lo studio è stato condotto su 2 gruppi omogenei di 50 pazienti sottoposti a vari tipi di interventi sul polmone.
Ai pazienti assegnati al gruppo A è stata praticata un’analgesia per via peridurale con somministrazione tramite pompa elastomerica di naropina 0,2%+fentanyl 4 µg/ml alla velocità di 5 ml/ora. Ai pazienti assegnati al gruppo B l’analgesia è stata ottenuta tramite la somministrazione per via sistemica di un’infusione continua con pompa elastomerica di una miscela di tramadolo 600 mg + ketorolac trometamina 120 mg + ranitidina 200 mg + ondansetron 16 mg.
Risultati. L’analgesia è risultata valida in entrambi i gruppi con pain relief a riposo da 3 a 1,7 nel gruppo B e da 2,5 a 0,4 nel gruppo A. Il dolore incident è risultato essere al risveglio in media 4,8 nel gruppo B, mentre nel gruppo a è variato da 3,2 a 1,8 ai rispettivi tempi.
Conclusioni. I datai registrati hanno dimostrato che entrambe le tecniche analgesiche sono in grado di garantire un buon controllo del dolore post-toracotomia a riposo. L’analgesia epidurale ha mostrato maggiore efficacia nel controllo del dolore incident, per contro ha mostrato maggiori difficoltà di realizzazione e di accettabilità da parte del paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail