Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 June;70(6) > Minerva Anestesiologica 2004 June;70(6):503-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

  TERAPIA ANTALGICAFREEfree


Minerva Anestesiologica 2004 June;70(6):503-8

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Analgesia epidurale nella chirurgia addominale: ropivacaina 0,2% con sufentanil

De Cosmo G., Primieri P., Adducci E., Fiorenti M., Beccia G.

Department of Anesthesiology and Critical Care Catholic University of Rome, Rome, Italy


FULL TEXT  


Riassunto
Obiettivo. L’associazione oppioide e anestetico locale per via peridurale è una tecnica ottimale negli interventi di chirurgia maggiore per il controllo del dolore postoperatorio.Tra gli oppioidi il sufentanil è un farmaco ampiamente utilizzato anche se il dosaggio più appropiato non è stato ancora completamente definito. Scopo di questo lavoro è di valutare la migliore concentrazione di sufentanil da utilizzare per via perdurale in questo tipo di interventi.
Metodi. Lo studio è stato condotto su 45 soggetti sottoposti a interventi di chirurgia addominale maggiore, mediante anestesia blended, utilizzando un catetere peridurale toracico, posizionato preoperatoriamente. I pazienti sono stati suddivisi, in maniera randomizzata, in 3 gruppi di 15 pazienti ciascuno, in rapporto alla concentrazione di oppioide utilizzato: ropivacaina allo 0,2% associata a sufentanil a una concentrazione di 0,5, 0,75 e 1 mg/ml-1 (rispettivamente gruppo A, B e C), somministrata attraverso il catetere epidurale toracico collegato a un elastomero (velocità di 5 ml/h) per 36 h. Il grado di analgesia postoperatoria a riposo e in movimento è stato valutato mediante l’impiego dell’analogo visivo (visual analogue score at-rest-in motion, VAS-R-VAS-I).
Risultati. L’analgesia è risultata pressoché sovrapponibile nei gruppi B e C e migliore del gruppo A e la presenza di prurito si è registrata in 2 casi nel gruppo C. In particolare il VAS-I è risultato sempre minore di 3.
Conclusioni. L’analgesia epidurale si è dimostrata una tecnica efficace e affidabile. La combinazione di ropivacaina allo 0,2% e sufentanil 0,75mg/ml-1, è risultata il miglior compromesso tra efficacia analgesica e comparsa di effetti collaterali minori, presenti nei soggetti del gruppo C.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail