Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5) > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):425-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

NURSING  SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004


Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):425-30

lingua: Italiano

“Mani pulite” in terapia intensiva

Garavaglia M. T. 1, Bassoli L. 1, Cappoia S. 1, Medaglia M. 2, Meroni C. 1, Morgutti M. 1, Olivieri P. 1, Fontana G. 1

1 Direzione Medica di Presidio, Azienda Ospedaliera Luigi Sacco, Polo Universitario, Milano
2 Servizio di Farmacia, Azienda Ospedaliera Luigi Sacco, Polo Universitario, Milano


FULL TEXT  


L’igiene delle mani rappresenta la principale manovra di profilassi per ridurre l’incidenza di infezioni nosocomiali. In questo lavoro l’argomento viene affrontato attraverso l’analisi delle linee guida del CDC di Atlanta e tramite la valutazione di dati raccolti ed elaborati da questionari somministrati agli operatori sanitari, accompagnati dall’osservazione diretta del loro operato.
Dall’analisi della bibliografia e dai risultati della nostra indagine scaturisce la convinzione che l’utilizzo di un prodotto in grado di decontaminare le mani velocemente e senza bisogno di acqua unito alla consapevolezza da parte degli operatori dell’importanza dell’igiene delle mani ed al feedback sulla loro compliance, siano strategie vincenti per un lento, ma costante aumento dell’adesione alla pratica del lavaggio delle mani
Dalle indagini effettuate attraverso l’osservazione diretta è emersa una scarsa adesione degli operatori alle pratiche raccomandate (5,6%). In base ai dati raccolti, il dato può trovare giustificazione in parte nelle problematiche logistico-strutturali dei reparti (il 55% dei lavandini risulta posizionato nelle infermerie) e in parte nella mancanza di conoscenze aggiornate sui nuovi prodotti e sulle metodiche innovative.
La formazione specifica e l’adozione di un antisettico a base alcolica, ha portato ad aumentare in modo significativo la compliance degli operatori alle corrette pratiche di igiene delle mani, dimostrando la validità degli interventi ipotizzati e adottati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail