Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5) > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):411-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva

Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036

Periodicità: Mensile

ISSN 0375-9393

Online ISSN 1827-1596

 

Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):411-6

SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004 

 NURSING

I carichi di lavoro infermieristico

Guccione A., Morena A., Pezzi A., Iapichino G.

Istituto di Anestesiologia e Rianimazione, Università degli Studi di Milano, Polo Universitario Ospedale San Paolo, Milano

La misurazione dei carichi di lavoro infermieristico ha avuto inizio negli anni ‘70, in conseguenza della necessità di quantificare la gravità delle patologie e il rapporto costo-beneficio delle procedure eseguite nelle unità di terapia intensiva. Nel corso dei successivi decenni, la necessità di strumenti più specifici per la misurazione dei carichi di lavoro infermieristico ha condotto allo sviluppo di sistemi di punteggio relativi alle attività di tipo infermieristico. In questo lavoro viene presentata una breve review dei sistemi di punteggio validati a partire dal 1974.
Il sistema TISS (Therapeutic Intervention Scoring System) elaborato da Cullen nel 1974 si basa su 57 procedure terapeutiche ed è stato progettato per valutare la gravità della patologia in unità di terapia intensiva. A ciascuna procedura è assegnato un punteggio che va da 1 a 4. I pazienti sono raggruppati in 5 classi. Questo sistema non è stato validato in misura sufficiente ed è stato abbandonato. Tuttavia, esso ha introdotto per la prima volta il concetto di “punteggio relativo alla gestione del paziente per infermiere”.
Aggiornamento del TISS elaborato da Keene nel 1983: le procedure terapeutiche sono state aumentate a 76. Si presuppone che ogni singolo infermiere possa gestire 40/50 punti al giorno. Sebbene non sia stato validato, questo sistemarmente utilizzato per la valutazione della complessità del trattamento e del rapporto numerico infermieri/pazienti. Tuttavia, molte delle voci che vi compaiono risultano essere obsolete e spesso correlate alla gravità della patologia, più che agli specifici interventi di tipo infermieristico.
Il progetto PRN (Project Research of Nursing - EROS, 1980-1987): a ciascuna attività infermieristica viene assegnato un punteggio, sulla base della sua frequenza, della durata, della necessità di intervento da parte di più di un infermiere, ecc. Questo sistema non è adatto alla pratica quotidiana, dal momento che la sua applicazione richiede molto tempo.
Il sistema OMEGA proposto nel 1986 descrive 86 interventi terapeutici, raggruppati in 3 categorie. Le misurazioni vengono effettuate al termine della degenza presso l’unità di terapia intensiva, e pertanto offrono una misura del carico globale di lavoro e dell’utilizzo di risorse.
Il sistema TOSS (Time Oriented Score System, elaborato dallo Studio GIRTI, 1991): questo sistema di punteggio è stato studiato e testato in Italia. Esso rappresenta una valutazione temporale diretta dei carichi di lavoro infermieristico. Il punteggio viene espresso in minuti. Si tratta di un sistema affidabile e relativamente semplice, ed è stato validato su oltre 2 700 pazienti in unità di terapia intensiva.
TISS 28 (elaborato da Miranda nel 1996): si tratta di una versione semplificata e aggiornata del TISS originario, proposta al fine di quantificare i carichi di lavoro infermieristico. Gli Autori affermano che un infermiere può gestire 46 punti nell’arco delle 24 ore.
Il sistema NEMS (Nine Equivalents of nursing Manpower use Score, elaborato da Miranda nel 1997): deriva dal TISS e dal TISS 28. Sono state prese in considerazione solamente 9 voci, relative alla terapia di supporto dei singoli organi, alle procedure infermieristiche e agli interventi diagnostici/terapeutici eseguiti all’interno e all’esterno dell’unità di terapia intensiva. Queste voci sono state quantificate per mezzo dell’analisi multivariata, al fine di ottenere un punteggio confrontabile con il punteggio del TISS28. Ciascun infermiere può gestire 45/50 punti al giorno.
Il sistema NAS (Nurse Activity Scale, elaborato da Miranda nel 2003): questo sistema deriva dal TISS28 e ha l’obiettivo di descrivere le attività di tipo infermieristico non necessariamente correlate alla gravità della patologia. Esso descrive l’81% del tempo dedicato alle attività di tipo infermieristico, rispetto al 43% del TISS 28.
In conclusione, sono stati proposti molti sistemi a punti per la determinazione dei carichi di lavoro infermieristico, sia direttamente (come nel caso del TOSS e del PRN) che attraverso la valutazione della gravità della patologia e della complessità del trattamento (TISS, TISS28, NAS e NEMS). Questi punteggi rappresentano gli strumenti per valutare il corretto utilizzo delle risorse in unità di terapia intensiva.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina