Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 May;70(5) > Minerva Anestesiologica 2004 May;70(5):405-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

NURSING  SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004


Minerva Anestesiologica 2004 May;70(5):405-9

lingua: Italiano

Emergenza territoriale: medico o infermiere?

Raimondi M. 1, Landriscina M. 2, Pellicori S. 1, Brancaglione A. 1, Comelli A. 1, Sforzini I. 1, Rizzardi R. 1, Brancati S. 1, Poma S. 1

1 Centrale Operativa S.S.U.Em. 118 Pavia e Provincia, I.R.C.C.S. Policlinico S.Matteo, Pavia
2 Centrale Operativa S.S.U.Em. 118 Como, II Servizio Anestesia e Rianimazione, Ospedale S.Anna, Como


FULL TEXT  


Riassunto
Gli Autori valutano la situazione italiana relativa alle équipe sanitarie a bordo dei mezzi di soccorso, in riferimento alle équipe avanzate (ALS). Vengono analizzati i compiti e le situazioni alle quali deve far fronte un’équipe ALS, in relazione anche alle altre componenti della rete dell’emergenza sanitaria (ospedali, continuità assistenziale, ambulanze di base etc.), ponendo l’accento anche sulle manovre e tecniche che devono essere patrimonio culturale delle équipe ALS. Le 2 possibili scelte degli equipaggi ALS, ovvero équipe composta da 2 infermieri profesionali o da 1 infermiere professionale e 1 medico, dipendono grandemente dalla formazione del personale e dalle disponibilità numeriche ed economiche. Gli autori, dopo aver valutato varie possibilità, concludono proponendo un sistema integrato di mezzi di base (BLS) con soccorritori ben formati e tecnici dell’emergenza, di ambulanze con infermieri professionali a bordo, ed infine con pochi mezzi medicalizzati strategicamente distribuiti (anche integrati eventualmente da mezzi con 2 infermieri profesionali formati a bordo), ma utilizzando personale medico ed infermieristico idoneo ad affrontare tutte le situazioni anche rianimatorie, tipiche dell’emergenza territoriale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail