Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5) > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):357-63

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

SEPSI  SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004


Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):357-63

lingua: Inglese

Il concentrato di proteina C negli stati critici: l’esperienza clinica nei pazienti pediatrici settici

Pettenazzo A., Malusa T.

Terapia Intensiva Pediatrica, Dipartimento di Pediatria Università degli Studi di Padova, Padova


FULL TEXT  


La coagulopatia, tipica degli stati settici, è caratterizzata da riduzione dei fattori della coagulazione, aumento dei livelli plasmatici dei prodotti di degradazione del fibrinogeno e deficit acquisito (da consumo) di proteina C. Come è stato dimostrato nei casi di porpora fulminante in neonati affetti da deficit congenito di proteina C, la terapia sostitutiva con proteina C-concentrato si è dimostrata efficace nel ridurre le manifestazioni trombotiche e nel migliorare morbidità e mortalità di bambini con shock settico. La proteina C-concentrato, è correntemente impiegata come terapia sostitutiva in pazienti affetti da deficit congeniti di proteina C e numerosi studi in letteratura ne descrivono l’efficacia nel trattamento di bambini affetti da sepsi meningococcica con lo scopo di correggere il deficit di proteina C presente negli stati settici, correlato a maggiore morbidità e mortalità. La proteina C-concentrato esplica la sua attività anticoagulante e pro-fibrinolitica solo dopo essere stata trasformata in circolo nella forma attiva e le esperienze cliniche con l’uso di proteina C-concentrato in pazienti con shock settico non hanno rilevato un aumentato rischio di sanguinamento. Presso il nostro Centro sono stati trattati con proteina C-concentrato (Ceprotin®) 8 bambini con sepsi/shock settico e porpora perché il livello plasmatico di Proteina C era significativamente al di sotto dei valori normali per età (media 0,32 UI/ml, range 0,11-0,6 UI/ml). Sei bambini hanno mostrato una rapida risposta alle terapie impostate e sono sopravvissuti senza esiti e 2 sono deceduti. Non sono stati evidenziati effetti collaterali sfavorevoli alla somministrazione di Ceprotin® alle dosi impiegate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail