Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5) > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):299-302

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ANESTESIA  SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004


Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):299-302

lingua: Italiano

Benefici presunti e dimostrati dell’analgesia peridurale

Marsili I., Paladini A., Varrassi G.

Cattedra di Anestesia e Rianimazione Dipartimento di Scienze Chirurgiche Università degli Studi di L’Aquila, L’Aquila


FULL TEXT  


A volte si ha l’impressione che l’anestesia regionale sia in grado di migliorare l’outcome dei pazienti chirurgici. Tale assunto è in genere accettato, anche se non ci sono dimostrazioni inoppugnabili in tal senso.
Al momento attuale vi sono dati che dimostrano dei vantaggi indiscutibili, in termini di sopravvivenza e complicanze postoperatorie, specialmente dopo interventi ortopedici maggiori operati con anestesia peridurale. Gli studi meta-analitici hanno evidenziato dimostrazioni in tal senso.
Purtroppo per altri tipi di chirurgia i vantaggi non sono stati ben dimostrati, anche se ciò era dovuto soprattutto al basso numero numero di pazienti reclutati per gli studi pubblicati.
A ogni modo, permane la sensazione degli anestesisti clinici che l’anestesia regionale, e in particolare il blocco epidurale, sia molto più conveniente per i pazienti, quando raffrontata all’anestesia generale. Essa sembra anche più conveniente sotto il profilo economico, considerando che, in alcuni studi di farmaco-economia, si è dimostrata la possibilità di risparmiare usando l’anestesia e l’analgesia regionale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail