Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5) > Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):251-3

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ANESTESIA  SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004


Minerva Anestesiologica 2004 Maggio;70(5):251-3

lingua: Italiano

Sindromi aritmiche ereditarie: importanza in anestesia e rianimazione

Mencherini S., Santambrogio L.

Servizio di Anestesia e Rianimazione I, IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia


FULL TEXT  ESTRATTI


Varie malattie cardiache genetiche predispongono ad aritmie e a rischio di morte improvvisa.
L’identificazione dei sottostanti fattori genetici ha migliorato la comprensione dei trigger aritmogeni e le cause di morte improvvisa. Durante l’anestesia generale molte variabili (farmaci, bradicardia e sbalzi di temperatura) possono portare all’insorgere di un’aritmia ventricolare maligna.
A tutt’ora non si conoscono criteri per suddividere i soggetti, possiamo solo estrapolare le informazioni raccolte dalle informazioni della cartella clinica dei pazienti. Descriviamo l’osservazione durante anestesia generale di 4 pazienti affetti da sospetta sindrome di Brugada (la diagnosi è stata confermata in un solo paziente) e proponiamo un trattamento anestesiologico durante l’intervento nel decorso post-operatorio.

inizio pagina