Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2004 Aprile;70(4) > Minerva Anestesiologica 2004 Aprile;70(4):189-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

TERAPIA INTENSIVA  SMART 2004 - Milano, 12-14 maggio 2004


Minerva Anestesiologica 2004 Aprile;70(4):189-91

lingua: Inglese

Hemofiltration in the prevention of radiocontrast agent induced nephropathy

Marenzi G., Bartorelli A. L.

Monzino Heart Center, IRCCS, Institute of Cardiology, University of Milan, Milan, Italy


FULL TEXT  


Obiettivo. L’obiettivo del presente studio è rappresentato da una indagine sul ruolo dell’emofiltrazione nella prevenzione della nefropatia da mezzo di contrasto nei pazienti affetti da insufficienza renale.
Metodi. Centoquattordici pazienti sottoposti a interventi di chirurgia coronarica per via percutanea sono stati assegnati, con criterio casuale, all’emofiltrazione peri-procedurale oppure all’idratazione salina.
Risultati. È stata riscontrata una nefropatia da mezzo di contrasto nel 5% dei pazienti sottoposti a emofiltrazione e nel 50% dei controlli (p<0,01). Il tasso di incidenza intraospedaliera, nonchè il tasso di mortalità intraospedaliera e il tasso di mortalità a un anno sono risultati essere inferiori nei pazienti sottoposti a emofiltrazione.
Conclusioni. Nei pazienti affetti da insufficienza renale e sottoposti a interventi di chirurgia coronaria per via percutanea, l’emofiltrazione peri-procedurale risulta essere efficace ai fini della prevenzione della nefropatia da mezzo di contrasto; inoltre essa si associa a un miglioramento della prognosi intraospedaliera e a lungo termine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail