Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 December;69(12) > Minerva Anestesiologica 2003 December;69(12):919-25

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Anestesiologica 2003 December;69(12):919-25

lingua: Inglese, Italiano

Trombosi post-traumatica del seno sagittale superiore. Caso clinico e revisione della letteratura internazionale

Barbati G., Dalla Montà G., Coletta R., Blasetti A. G.

Intensive Care Unit Avezzano Hospital ASL Avezzano-Sulmona, Avezzano (L’Aquila), Italy


FULL TEXT  


L’obiettivo di questo lavoro è quello di focalizzare l’attenzione sulla trombosi dei seni venosi cerebrali (cerebral venous sinus thrombosis, CVST), patologia abbastanza rara, specialmente quando secondaria a trauma chiuso dell’encefalo. Gli Autori, pertanto, descrivono un caso clinico, da loro osservato nel Centro di Rianimazione polivalente dell’Ospedale di Avezzano (AQ), Italia.
Il caso in questione riguarda una paziente di sesso femminile di 15 anni, che ha sviluppato trombosi del seno sagittale superiore (SSS) in seguito a trauma cranico non penetrante (pedone investito da un’automobile): in seguito al lento e progressivo instaurarsi di coma profondo con grave ipertensione intracranica, la paziente è stata sottoposta a intervento di craniectomia decompressiva.
Il risultato ottenuto è stato soddisfacente: le condizioni della paziente sono progressivamente migliorate, con ripristino dello stato di coscienza, della motilità e delle funzioni cognitive. Attualmente, a 1 anno dal trauma, residua solo una lieve disabilità (deficit di forza prensile alla mano destra e andatura lievemente falciante).
In conclusione, sulla base dei dati della letteratura (emorragia intracerebrale e coma profondo predittori prognostici sfavorevoli) e vista l’evoluzione clinica, è stato deciso un approccio chirurgico aggressivo per salvare la vita della paziente, con risultati soddisfa-centi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail