Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5) > Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5):451-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

PEDIATRICA  SMART 2003 - Milano, 28-30 maggio 2003


Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5):451-6

lingua: Inglese

Some open questions in pediatric regional anesthesia

Dalens B.

Department of Anesthesiology Pediatric Surgery Unit, Pavillon Gosselin,Clermont-Ferrand, France


FULL TEXT  


Obiettivo del lavoro è una review della letteratura medica riguardante quattro questioni tuttora senza risposta o oggetto di discussione circa la pratica dell’anestesia regionale nei pazienti in età pediatrica.
Tale lavoro contiene una review del materiale finora pubblicato riguardante i quattro argomenti selezionati, ovvero l’importanza della ropivacaina, i test di screening della coagulazione in fase pre-operatoria, la stabilizzazione emodinamica in seguito a blocchi neurassiali e la prevenzione/il trattamento della cefalea post-puntura lombare. Delle quattro questioni prese in considerazione in questo articolo, tre possono ragionevolmente trovare una risposta basata sul consenso generale. La ropivacaina presenta dei limiti per quanto concerne le procedure di somministrazione in singola dose nei bambini, ma i vantaggi che offre nell’infusione continua sono significativi, se confrontati con i vantaggi offerti dalla bupivacaina. I test di screening della coagulazione in fase pre-operatoria non sono necessari, e non sono nemmeno utili nei bambini che non presentano una storia clinica positiva per disturbi della coagulazione, con l’importante eccezione dei neonati e dei nati prematuri, prima della 45esima settimana dal concepimento. La ben nota stabilizzazione emodinamica in seguito a blocchi neurassiali dipende da meccanismi compensatori ben equilibrati che possono non essere funzionanti nei bambini che presentano instabilità emodinamica in fase pre-operatoria oppure anomalie della distribuzione del flusso sanguigno regionale. Infine, anche se la cefalea post-puntura lombare non è di frequente riscontro nei bambini, il suo trattamento presenta tuttora alcune difficoltà e al momento attuale non è possibile fornire delle raccomandazioni terapeutiche definitive in caso di puntura accidentale della dura madre durante un tentativo di anestesia epidurale in un bambino.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail