Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5) > Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5):392-401

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ANESTESIA  SMART 2003 - Milano, 28-30 maggio 2003


Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5):392-401

lingua: Italiano

Prevenzione dell’ipotensione nell’anestesia spinale per parto cesareo

Nobili C., Sofi G., Bisicchia C.

Dipartimento di Anestesia e Rianimazione, Clinica Mangiagalli, Istituti Clinici di Perfezionamento, Milano, Italia


FULL TEXT  


Dopo aver descritto le più comuni indicazioni ostetriche relative al parto cesareo e le percentuali, riscontrate in diversi Paesi assimilabili all’Italia per standard sanitari, sono illustrate le motivazioni e le esigenze cliniche per le quali l’anestesia spinale è di prima scelta rispetto all’anestesia generale in chirurgia ostetrica. Tale evidenza è convalidata dal rapporto anestesia spinale/anestesia generale riscontrata nei grandi Centri Ostetrici nazionali ed internazionali.
L’ipotensione materna resta la complicanza più frequente e clinicamente rilevante conseguente all’anestesia spinale nella donna gravida a termine. Sono perciò discusse l’eziologia, la frequenza e le conseguenze cliniche sulla madre e sul feto dell’ipotensione materna grave e la necessità di attuare strategie terapeutiche preventive efficaci.
Le procedure atte alla prevenzione dell’ipotensione materna sono descritte e per ciascuna viene valutata la validità e la standardizzazione, evidenziando come alcune, pur essendo entrate nella pratica usuale, non abbiano convalidato la loro efficacia e altre, oltre a non essere efficaci, espongano la madre o il feto a potenziali complicanze. Per altre ancora la discussione sulla loro reale efficacia è tuttora aperta.
Sono infine descritte le metodiche attualmente considerate efficaci e condivise dalla maggioranza degli Autori e che perciò devono essere comprese nei protocolli procedurali dell’anestesia spinale per parto cesareo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail