Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 May;69(5) > Minerva Anestesiologica 2003 May;69(5):388-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

TERAPIA INTENSIVA  SMART 2003 - Milano, 28-30 maggio 2003FREEfree


Minerva Anestesiologica 2003 May;69(5):388-91

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

OPS techniques

De Backer D.

Department of Intensive Care, Erasme University Hospital, Free University of Brussels, Belgium


FULL TEXT  


Le alterazioni microcircolatorie sono state ampiamente descritte nei modelli sperimentali di sepsi; nonostante ciò, la funzionalità del microcircolo nei pazienti con sepsi è stata a lungo trascurata, dal momento che le tecniche di immagine tradizionali non consentono la visualizzazione del microcircolo. La tecnica di immagine spettrale a polarizzazione ortogonale permette di visualizzare direttamente il microcircolo al letto del paziente. Tale lavoro contiene una review di una selezione degli articoli che analizzano il microcircolo nei pazienti con sepsi utilizzando la tecnica di immagine spettrale a polarizzazione ortogonale. I pazienti con sepsi grave presentano una diminuzione nella densità dei capillari e una diminuzione nella proporzione dei capillari perfusi. La severità di queste alterazioni è più evidente nei non sopravissuti rispetto ai sopravvissuti, e risulta correlata allo sviluppo di insufficienza di organi multipli. Queste alterazioni possono essere corrette mediante la somministrazione di agenti vasodilatatori per via topica oppure per via endovenosa. Le alterazioni del flusso sanguigno a livello dei piccoli vasi vengono riscontrate frequentemente nei pazienti con sepsi, e possono presentare importanti implicazioni fisiopatologiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail