Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5) > Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5):353-6

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

TERAPIA INTENSIVA  SMART 2003 - Milano, 28-30 maggio 2003


Minerva Anestesiologica 2003 Maggio;69(5):353-6

lingua: Inglese

Results of early defibrillation program in Piacenza

Capucci A., Aschieri D.

Division of Cardiology, Hospital G. da Saliceto, Piacenza, Italy


FULL TEXT  ESTRATTI


L’intervento di defibrillazione eseguito il più presto possibile rappresenta il cardine del moderno sistema di medicina d’urgenza per il trattamento della morte cardiaca improvvisa. Il sistema tradizionale di medicina d’urgenza dovrebbe essere integrato da personale laico addestrato all’utilizzo dei defibrillatori esterni semiautomatici. Il Progetto Vita di Piacenza è un progetto europeo di defibrillazione precoce eseguito da personale laico inserito nell’ambito del sistema di medicina d’urgenza. A 22 mesi dall’inizio del progetto, 1285 soggetti tra coloro che per primi hanno aderito all’iniziativa sono stati addestrati all’utilizzo dei defibrillatori esterni semiautomatici. Il tasso di sopravvivenza dopo arresto cardiaco improvviso è andato incontro ad un aumento significativo (da 3,3% a 10,5%, p<0,01). In particolare, il tasso di sopravvivenza dopo un episodio di fibrillazione ventricolare nel gruppo di pazienti trattati dal personale laico è stato di 44,1%, contro il 21,2% dei pazienti trattati dal sistema tradizionale di medicina d’urgenza (p<0,05).
Un semplice programma di addestramento all’utilizzo dei defibrillatori esterni semiautomatici senza rianimazione cardio-polmonare ha determinato un aumento del tasso di sopravvivenza e ha creato un gruppo di competenti operatori di defibrillatori esterni semiautomatici integrati nell’ambito del sistema di medicina d’urgenza.

inizio pagina