Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 April;69(4) > Minerva Anestesiologica 2003 April;69(4):264-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

TERAPIA INTENSIVA  SMART 2003 - Milano 28-30 maggioFREEfree


Minerva Anestesiologica 2003 April;69(4):264-74

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Nutritional and pharmacological support of the metabolic response to injury

Herndon D. N.

Shriners Hospitals for Children-Galveston Burns Hospital, SHC-G Professor of Pediatrics & Surgery, University of Texas Medical Branch, UTMB, USA


FULL TEXT  


Una grave ustione provoca disordini metabolici che durano fino a un anno dopo il danno iniziale. Il marcato e persistente catabolismo, che deriva da una grave ustione, compromette gli sforzi di riabilitazione e ritarda un evento significativo come il reintegro dell’individuo nella società. Le strategie anaboliche più semplici ed efficaci per i danni da ustione grave sono rappresentate dall’escissione precoce della ferita da ustione, seguita del trapianto di pelle, dall’immediato trattamento della sepsi, dal mantenimento della temperatura dell’ambiente esterno a 30-32°C, dalla nutrizione entrale continua con molti carboidrati, da una dieta ad alto contenuto proteico, dal precoce avvio di programmi di esercizi di resistenza allo sforzo e di resistenza aerobica. Al fine di minimizzare ulteriormente la consunzione della massa magra corporea, si può procedere con approcci razionali come la somministrazione dell’ormone della crescita ricombinante umano, dell’insulina, dell’oxandrolone o del propranololo. L’infusione continua di insulina esogena a basse dosi, il beta-blocco mediante propranololo e l’utilizzo di un analogo sintetico del testosterone, come l’oxandrolone, rappresentano le terapie farmacologiche a più vantaggioso rapporto costi-benefici e a più bassa tossicità oggi disponibili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail