Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 Aprile;69(4) > Minerva Anestesiologica 2003 Aprile;69(4):180-3

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

  SMART 2003 - Milano 28-30 maggio


Minerva Anestesiologica 2003 Aprile;69(4):180-3

lingua: Inglese

Clinical decision making during resuscitation and guidelines for termination of the resuscitation effort

Weil M. H. 1,2

1 Institute of Critical Care Medicine, Palm Springs, CA
2 Keck School of Medicine, University of Southern California, Los Angeles, CA


FULL TEXT  


La rianimazione cardiopolmonare (RCP) è l’intervento appropriato per sostenere le funzioni cardiocircolatorie e respiratorie nel paziente con alterazioni potenzialmente reversibili, mentre è univocamente inappropriata per i pazienti con malattie terminali, quando l’opinione medica non indica ragionevoli possibilità di garantire una sopravvivenza dignitosa. Nella pratica quotidiana, sia i pazienti che le loro famiglie cercano chiarimenti basati sulla comprensione della problematica. La RCP, quando utilizzata senza aspettative di benefici, potrebbe compromettere ulteriormente la funzionalità neurologica, produrre lesioni iatrogene e ridurre il comfort del paziente. La decisione di non rianimare rimane un giudizio medico ragionato. In alcuni casi, trasferire il paziente con patologia terminale in un istituto alternativo può risultare rispettoso sia per il paziente stesso, che per i medici che se ne occupano.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail