Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2003 January-February;69(1-2) > Minerva Anestesiologica 2003 January-March;69(1-2):23-33

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,623


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIAFREEfree


Minerva Anestesiologica 2003 January-March;69(1-2):23-33

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Valutazione di due tecniche anestesiologiche per il controllo dell’assetto emodinamico nella chirurgia della carotide. Dati preliminari

Catena V. 1, De Zen G. F. 1, Pavani A. 1, Vedolin G. 2, Battagin G. 2, Milite D. 3, Biondani L. 3, Munerati V. 4

1 Department of Anaesthesia and Intensive Care ULSS 3, Bassano del Grappa (VI), Italy 2 Department of Anaesthesia and Intensive Care, ULSS 15, Cittadella (PD), Italy 3 Department of Vascular Surgery, ULSS 3 Bassano del Grappa (VI), Italy 4 Department of Neurology, ULSS 3 Bassano del Grappa (VI), Italy


FULL TEXT  


Obiettivo. Valutare due tecniche anestesiologiche per il controllo dell’assetto emodinamico durante TEA carotidea e nell’immediato postoperatorio.
Metodi. Vengono arruolati 7 pazienti ASA 3 da sottoporre a TEA carotidea per il gruppo Fentanyl e 12 pazienti ASA 3 per il gruppo Remifentanil-Sevoflorane; viene monitorato DP (doppio prodotto) all’ingresso in SO, a 5, 15, 30 min dall’induzione dell’anestesia e dall’intubazione tracheale e a 30 min dall’estubazione; viene, inoltre, monitorato il tempo di estubazione e risveglio e il livello di attenzione nel postoperatorio nonché i marker per ischemia miocardiaca per 48 ore dall’intervento per il gruppo Remifenetanil.
Risultati. L’analisi statistica, con il metodo del “t” di Student per dati appaiati sui valori registrati, dimostra che il DP dei pazienti in Remifentanil-Sevoflorane indica una stabilità emodinamica rispetto a quella dei pazienti in Fentanyl migliore.
Conclusioni. L’anestesia con Remifentanil e Sevoflorane nella chirurgia della carotide è una valida alternativa e assicura una buona stabilità emodinamica rispetto all’anestesia con Fentanyl e alle tecniche loco-regionali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail