Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 Dicembre;68(12) > Minerva Anestesiologica 2002 Dicembre;68(12):919-28

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036

 

Minerva Anestesiologica 2002 Dicembre;68(12):919-28

TERAPIA ANTALGICA 

 ARTICOLI ORIGINALI

La cordotomia cervicale percutanea nella terapia del dolore incident

Mameli S. 1, Frau L. 2, Orrù A. 2, Marchi A. 2, Corbucci G. G. 2

1 Servizio Terapia Antalgica Ospedale «Businco», ASL n. 8, Cagliari
2 Istituto di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Cagliari, Cagliari
3 Gruppo di Studio di Ricerca SIAARTI

ntroduzione. Il dolore incident non risponde alla somministrazione di farmaci oppioidi e non è facilmente trattabile con altre opzioni terapeutiche (anestetici locali per via intrapleurica o subaracnoidea; blocchi fenolici).
Per questa ragione, in pazienti con dolore oncologico incident e con aspettativa di vita di almeno tre-sei mesi, l’unica terapia efficace è la cordotomia cervicale percutanea a livello di C1-C2.
Materiali e metodi. In questo studio è stata effettuata un’indagine retrospettiva su 22 pazienti affetti da patologia neoplastica con dolore incident legato a plessopatia brachiale, lombo-sacrale e ulcera della regione glutea.
Risultati. La cordotomia ha ottenuto i risultati desiderati in 21 pazienti nei quali si è avuta, nell’emisoma controlaterale al lato dell’intervento, un’analgesia profonda mantenutasi fino all’exitus nei pazienti deceduti e fino al momento dell’ultima osservazione nei pazienti ancora viventi.
In un paziente (anacusico), a causa della scarsa collaborazione, non è stato possibile eseguire l’intervento in modo corretto e il dolore è ricomparso dopo 48 ore.
Si è verificato un caso di morte per insufficienza respiratoria.
Altre complicanze sono state l’atassia, la cefalea, la ritenzione urinaria, il deficit motorio, le disestesie e l’ipotensione ortostatica.
Conclusioni. Gli autori ritengono che la cordotomia cervicale percutanea possa, in casi attentamente selezionati, essere considerata l’unica scelta per abolire il dolore incident.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina