Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 November;68(11) > Minerva Anestesiologica 2002 November;68(11):825-32

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  ANESTESIA


Minerva Anestesiologica 2002 November;68(11):825-32

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Il pacing atriale transesofageo per la terapia delle tachiaritmie sopraventricolari da rientro, in corso di anestesia generale

Romano R. 1, Fattorini F. 2, Ciccaglioni A. 2, Rocco A. 2, Moretti G. 2, Cappelletti M. 2, Pietropaoli P. 2

1 Department of Medical and Surgical Emergencies University of Ancona, Ancona, Italy
2 Department of Anesthesiological Sciences Critical Care and Pain Therapy University “La Sapienza”, Rome, Italy


FULL TEXT  


Obiettivo. Le tachiaritmie sopraventricolari (SVT) rappresentano un fattore di rischio intraoperatorio che va sempre prevenuto/corretto. I farmaci antiaritmici comunemente impiegati presentano una pericolosità intrinseca legata agli effetti proaritmico e tossico e alla imprevedibilità dell’inizio e della durata d’azione. Viene qui di seguito proposto l’impiego terapeutico del pacing atriale transesofageo (PAT) per l’interruzione di alcune forme di SVT da rientro, insorte in corso di interventi chirurgici eseguiti in anestesia generale.
Metodi. Lo studio è stato condotto su 25 pazienti che presentavano un’anamnesi positiva per episodi tachiaritmici transitori, sottoposti ad anestesia generale con midazolam, propofol, N2O e O2, sevoflurane, fentanil e vecuronio bromuro. Il PAT ha utilizzato burst di 3-5 sec, con frequenza pari ad almeno il 100% del ciclo della tachicardia e intensità degli impulsi da 18 a 25 mA. In queste condizioni, l’interruzione del rientro è stata resa possibile dalla refrattarietà indotta del fronte dell’onda che sosteneva il circuito.
Risultati. In 7 dei 25 pazienti presi in esame, sono insorte intraoperatoriamente le seguenti aritmie cardiache: 1 flutter atriale tipo I, 3 tachicardie reciprocanti intranodali, 2 tachicardie atrioventricolari ortodromiche e 1 tachicardia atrioventricolare antidromica. Il PAT ha sempre consentito la cattura atriale e la tempestiva soppressione della aritmia. La bassa intensità degli impulsi ha evitato in ogni caso la cattura ventricolare.
Conclusioni. Il PAT si propone come un valido mezzo terapeutico nelle SVT sostenute da rientro, insorte durante anestesia generale. La metodica è risultata efficace, sicura, nonché pratica e di facile applicazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail