Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 Giugno;68(6) > Minerva Anestesiologica 2002 Giugno;68(6):561-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

  CASI CLINICI


Minerva Anestesiologica 2002 Giugno;68(6):561-5

lingua: Italiano

Ostruzione del tubo endotracheale e dell’albero tracheobronchiale da parte di un voluminoso coagulo. Caso clinico

Veronese S., Cutrone C. *, Innocente F., Ori C.

Università degli Studi - Padova Dipartimento di Farmacologia ed Anestesiologia Azienda Ospedaliera - Padova
*Unità Operativa Autonoma di Chirurgia Endoscopica delle Vie Aeree


FULL TEXT  


Viene riferito un episodio di occlusione acuta del tubo endotracheale e delle vie aeree da parte di un voluminoso coagulo ematico riproducente parte della trachea e dell’emisistema bronchiale destro. L’occlusione acuta è stata preceduta da ripetuti episodi di emottisi la cui origine, nonostante le indagini diagnostiche eseguite, è rimasta sconosciuta. Stabilito mediante semplici manovre che l’ostruzione era localizzata a livello del tubo endotracheale, la sostituzione del tubo stesso è stata risolutiva e ha consentito la rimozione del coagulo senza ricorso alla broncoscopia rigida o flessibile, all’uso di cateteri da embolectomia o all’applicazione di fibrinolitici, tecniche più indaginose che si rendono necessarie qualora l’ostruzione sia localizzata distalmente rispetto al tubo endotracheale. Benché l’occlusione del tubo endotracheale da parte di coaguli sia una complicanza frequente in terapia intensiva, il presente caso clinico pare meritevole di descrizione per le particolari dimensioni e morfologia del coagulo. Va sottolineato come una diagnosi di localizzazione dell’ostacolo permetta di utilizzare gli strumenti terapeutici più adeguati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail