Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 June;68(6) > Minerva Anestesiologica 2002 June;68(6):555-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  RIANIMAZIONE


Minerva Anestesiologica 2002 June;68(6):555-60

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Indagine conoscitiva sul BLS tra i medici degli ospedali abruzzesi

Facchetti G., De Simone C., Monciatti E. *, Di Pietro A., Puliti R., Colantonio L. B., Gargarella T., Marinangeli F., Varrassi G.

Università degli Studi - L’Aquila Cattedra di Anestesia e Rianimazione - L’Aquila
*ASL 08 Arezzo - Zona Valdarno Pronto Soccorso - Arezzo


FULL TEXT  


Obiettivo. Obiettivo dello studio è quello di determinare in quale proporzione i medici ospedalieri in Abruzzo sono capaci di effettuare le manovre di Basic Life Support (BLS) secondo le linee guida attuali.
Metodi. Si è messo a punto un questionario volto ad indagare se l’intervistato: 1) avesse mai praticato una rianimazione cardiorespiratoria; 2) avesse mai preso parte a corsi BLS su manichini dedicati; 3) ritenesse di essere in grado di effettuare correttamente una rianimazione cardiorespiratoria, in quest’ultimo caso, il medico veniva invitato a rispondere ad ulteriori tre domande di approfondimento. È stato chiesto di riempire il questionario presso la propria sede di lavoro e senza possibilità di consultare testi o altre materiale.
Risultati. Sono stati contattati 1540 medici ospedalieri. È risultato che il 57,6% degli intervistati ha preso parte a manovre di rianimazione cardio-polmonare, mentre solo il 30% si è esercitato su manichini dedicati. Comunque, il 69,5% ha dichiarato di essere in grado di effettuare correttamente un BLS. Di essi solo il 18% ha risposto correttamente a tutte le domande di approfondimento.
Conclusioni. L’arresto cardiorespiratorio è «l’emergenza» nel corso della quale la tempestività nell’inizio delle manovre di rianimazione e la loro corretta esecuzione costituiscono fattori decisivi per il successo dell’intervento. Senza corsi regolari di apprendimento, di approfondimento e di revisione delle procedure apprese, l’efficacia delle tecniche di BLS rischia di precipitare al di sotto del livello di accettabilità. Nell’ambito dell’emergenza, quindi, è fondamentale supportare una formazione continua.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail