Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5) > Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5):449-53

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

ANTITHROMBIN III IN SEVERE SEPSIS  SMART 2002 Milano 29-31 maggio 2002


Minerva Anestesiologica 2002 May;68(5):449-53

lingua: Inglese

Ruolo dell’antitrombina III nelle pazienti critiche in ostetricia

Mangione S., Giarratano A.

From the Department of Anesthesiology Intensive Care and Emergency University of Palermo


FULL TEXT  


È stato condotto uno studio preliminare allo scopo di verificare l’esistenza di una differenza significativa tra i dosaggi del network delle citochine raccolti durante preeclampsia lieve e severa e i dosaggi registrati durante una gravidanza normale. 36 pazienti sono stati suddivisi in due gruppi: gravidanza normale (NP) e preeclampsia grave e HELLP syndrome (SPH). Sono stati raccolti i valori plasmatici delle citochine infiammatorie (IL 6, TNF , IL 10), dell’antitrombina III (AT III), della proteina C (PC) e del Tissue Factor Pathway Inibitor (TFPI), è inoltre stato registrato l’Organ Disfunction modified Score (ODS). I risultati mostrano una differenza significativa (p<0,05) nei dosaggi di AT III e di altri marcatori dell’infiammazione tra i due gruppi e, all’interno del gruppo SPH, tra pazienti con preeclampsia grave e pazienti con HELLP syndrome. Emerge quindi una correlazione tra gli inibitori naturali della coagulazione, specialmente l’antitrombina III, e l’andamento clinico. Questa correlazione non è inficiata dalla procedura del cesareo.
Basandosi sui risultati di questo studio abbiamo quindi disegnato un protocollo di monitoraggio e trattamento attualmente in uso presso i nostri reparti di ostetricia e terapia intensiva. Attualmente è in fase di sviluppo uno studio multicentrico per confermare i dati preliminari sulla terapia sostitutiva con antitrombina III.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail