Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 Maggio;68(5) > Minerva Anestesiologica 2002 Maggio;68(5):360-4

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036

 

Minerva Anestesiologica 2002 Maggio;68(5):360-4

SMART 2002 Milano 29-31 maggio 2002 

 SUPPORT VENTILATION

Confronto tra tecniche di aspirazione chiusa e aperta

Maggiore S. M., Iacobone E., Zito G., Conti C., Antonelli M., Proietti R.

From the Istituto di Anestesia e Rianimazione Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico A. Gemelli, Roma

L’aspirazione delle vie aeree viene generalmente eseguita disconnettendo il paziente dal ventilatore e introducendo un sondino nel tubo endotracheale.
In alternativa si può utilizzare un sistema di aspirazione chiuso inserito nel circuito di ventilazione; ciò permette l’introduzione del sondino nelle vie aeree senza disconnettere il paziente dal ventilatore. Il sistema di aspirazione chiuso presenta alcuni vantaggi rispetto alla tecnica di aspirazione aperta convenzionale: può essere utile nel limitare la contaminazione dell’ambiente, del paziente e del personale e nel prevenire la perdita di volume polmonare e il dereclutamento alveolare associati alla tecnica di aspirazione standard nei pazienti gravemente ipossiemici.
Restano ancora da valutare l’impatto del sistema chiuso sulle polmoniti associate a ventilazione meccanica, il rapporto costo-beneficio e l’effetto di queste tecniche sul supporto ventilatorio.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina