Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 Maggio;68(5) > Minerva Anestesiologica 2002 Maggio;68(5):315-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

CONFERENCES  SMART 2002 Milano 29-31 maggio 2002


Minerva Anestesiologica 2002 Maggio;68(5):315-20

lingua: Italiano

Steroidi nel traumatismo midollare. Uno standard di cura non documentto

Citerio G., Cormio M., Sganzerla E. P. *

A.O. San Gerardo - Monza (Milano) Dipartimento di Anestesia e Rianimazione
*Clinica Neurochirurgica


FULL TEXT  


Dagli anni ’90, gli steroidi, soprattutto il metilprednisolone, sono diventati ampiamente utilizzati nel trattamento del traumatismo midollare acuto. Alla luce di due studi randomizzati (NASCIS II and III) pubblicati su autorevoli riviste scientifiche e, soprattutto, ad opera di una distorta pubblicità mediatica dei risultati degli studi, sono stati a lungo considerati uno standard di trattamento. In realtà questo è avvenuto anche se entrambi gli studi non sono riusciti a raggiungere risultati positivi nel raggiungimento degli endpoints primari; solo analisi post hoc, abilmente costruite al fine di evidenziare minimi benefici clinicamente insignificanti hanno generato questo atteggiamento terapeutico. Studi successivi non sono riusciti a duplicare questi risultati. Inoltre le analisi dei trials effettuate da revisori esterni e da esperti d’evidence-based medicine, hanno rivelato che i risultati positivi pubblicizzati erano insignificanti e raggiunti mediante artifici statistici. Per queste ragioni e per la considerazione che il trattamento con steroidi ad alto dosaggio è gravato da complicanze potenzialmente pericolose per i pazienti, l’uso del metilprednisolone nel trauma midollare, alla luce delle prove d’efficacia disponibili, non può essere raccomandato né essere considerato uno standard di trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail