Home > Riviste > Minerva Anestesiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Anestesiologica 2002 Aprile;68(4) > Minerva Anestesiologica 2002 Aprile;68(4):192-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ANESTESIOLOGICA

Rivista di Anestesia, Rianimazione, Terapia Antalgica e Terapia Intensiva


Official Journal of the Italian Society of Anesthesiology, Analgesia, Resuscitation and Intensive Care
Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 2,036


eTOC

 

THE ACUTE CARDIAC PATIENT  SMART 2002 Milano 29-31 maggio


Minerva Anestesiologica 2002 Aprile;68(4):192-5

lingua: Inglese

L’angioplastica nell’infarto miocardico acuto. Anestesia e trattamento generale

Ranucci M.

From the Istituto Policlinico S. Donato Department of Cardiothoracic Anesthesia San Donato Milanese (Milan)


FULL TEXT  


Obiettivo. L’angioplastica transluminale coronarica percutanea è sempre più applicata nel trattamento delle sindromi coronariche acute. Impiegata sia in modo primario che a seguito di un trattamento trombolitico inefficace (angioplastica di salvataggio), questa tecnica migliora l’outcome precoce e tardivo dei pazienti affetti da sindromi coronariche acute. Comunque, in circa il 10% dei casi essa fallisce e deve essere seguita da un bypass coronarico chirurgico. In questo caso, il paziente giunge all’intervento con un profilo di rischio diverso dall’usuale, in quanto presenta un’incidenza maggiore di shock cardiogeno (4,5 vs 0,4%) e di supporto circolatorio meccanico mediante contropulsazione aortica (14 vs 0.8%), nonché maggiore incidenza nell’uso di antiaggreganti ed eparina.
Metodi. Sono stati analizzati 3296 pazienti sottoposti ad intervento di bypass aorto-coronarico negli ultimi due anni.
Risultati. Diversamente dai dati della Letteratura, nella nostra popolazione di pazienti non abbiamo rilevato un outcome peggiore nei pazienti operati dopo angioplastica primaria fallita.
Conclusioni. Il ruolo degli inibitori del recettore GPIIb-IIIa nel determinismo di un eccessivo sanguinamento postoperatorio resta da stabilirsi, ma è probabilmente legato al tipo di farmaco utilizzato, dalla sua dose, e dal tempo intercorso tra la terapia e l’intervento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail